lettera di Lanfranco Turci

Lanfranco Turci

f007fde725799aa339bded211eb3d817.jpg

Care compagne e compagni, ricorro a questa strana formula di indirizzo perché ufficialmente non so ancora chi saranno coloro che firmeranno fra un’ora lo Statuto dell’Associazione per il nuovo Partito Socialista. Come è noto, infatti, non c’è stato alcun momento in cui il Comitato politico dei17, più o meno casualmente uscito dall’Assemblea del 14 luglio e poi integrato con l’ingresso dei compagni provenienti da Sinistra Democratica, abbia deciso l’entrata di altri compagni e compagne. Se ho capito bene le persone chiamate alla firma oggi sono diventate 20 per iniziativa del compagno Boselli, che si è ritenuto a ciò delegato dalle precedenti riunioni del Comitato politico e dai contatti che ha tenuto con diversi membri dello stesso. Io personalmente non rientro fra questi, perché dopo uno scambio di idee abbastanza ‘caloroso’ a seguito della mia prima lettera dell’11 ottobre (allegato 1), non ho avuto la possibilità di un ulteriore contatto con Boselli, nonostante la lettera successiva del 23 ottobre (allegato 2). Capisco dunque che ci sia anche chi oggi legittimamente si ritiene nell’impossibilità di firmare l’atto costitutivo. E poiché si è sempre detto che quell’atto dava vita a un contenitore puramente burocratico formale per la conservazione del simbolo (anche se la lettura dello Statuto non me ne lascia affatto sicuro) immagino che anche chi non firmerà l’atto notarile, avrà lo stesso pienezza di diritti al tavolo politico. Io sono stato combattuto fino all’ultimo se partecipare o meno all’atto costitutivo di questa mattina. Pur con profonda amarezza ho deciso di firmare per evitare che la mia mancata firma potesse essere strumentalizzata come un ritiro da un progetto politico, che rivendico invece di aver sollecitato e contribuito a far nascere quando ancora molti di noi guardavano in altre direzioni. Tuttavia la mancanza finora di un ritmo politico adeguato alla situazione (quello che nella seconda lettera ho definito ‘una tempestività e una intensità di confronto politico che ancora non riusciamo a realizzare), nonché il modo in cui si sono assunte queste ulteriori decisioni in merito alla composizione del Comitato, determinano in me e in quanti insieme a me (e non sono pochi!) si sono impegnati e si stanno impegnando, un disagio e un malessere profondi. Senza nessuna intenzione denigratoria nei confronti dello SDI e dei suoi vertici, ricordo che si è sempre affermato (senza che alcuno avanzasse apertamente obiezioni) che il nuovo Partito non può essere uno ‘SDI allargato’. E ciò non per la pretesa di rivendicare nuovi equilibri di potere (qui di potere da spartire al momento non c’è neppure l’ombra!) ma perché in quel caso il nuovo Partito non avrebbe sviluppato alcuno appeal aggiuntivo e avrebbe invece rapidamente disperso le forze nuove, reali e potenziali, che possono partecipare con tutti noi a costruire il Partito Socialista. I segnali che vedo finora, compreso il modo in cui si è aggiustata la composizione del Comitato, evocano prassi già viste e non particolarmente produttive. Vorrei che fosse chiaro a tutti noi che, dal momento che abbiamo rifiutato le porte aperte della democrazia mediatica e plebiscitaria del Partito Democratico, il Partito che vogliamo costruire deve essere esattamente l’opposto. Un partito con regole chiare, democratiche (non democraticistiche) con responsabilità chiaramente definite insieme al relativo obbligo di rendicontazione politica, e infine con una dialettica politica trasparente, in cui gli iscritti che aderiranno a questo progetto dovranno avere la certezza di contare e di non essere aggirati attraverso accordi di potere che rendano incomprensibile o svuotino il confronto delle diverse impostazioni politiche e culturali. Mi direte che tutto ciò è pacifico. Io però vado a firmare questa mattina con seri dubbi che ciò sia davvero acquisito. Questo vi dice anche con quale spirito parimente e volenteroso critico noi lavoreremo nei prossimi mesi per il tesseramento e il Congresso. Cordiali saluti Lanfranco Turci

lettera di Lanfranco Turciultima modifica: 2007-10-28T00:03:49+02:00da psixvecchiano
Reposta per primo quest’articolo